Web Designer: 4 skill che deve avere per migliorare la conversione del tuo sito

Oggi più che mai sta crescendo il bisogno per aziende e liberi professionisti di curare la propria presenza online e di avere un sito web efficace studiato nei minimi dettagli dal punto di vista grafico. Il web designer è la figura professionale che si occupa di progettare un sito web, curandone l’aspetto visivo ovvero le immagini, i media, i caratteri del testo ed ogni altro elemento interattivo e di navigazione. Tuttavia, la realizzazione di un pagina web non è di per sé sufficiente ad assicurare un alto numero di visite e/o conversioni: occorre agevolare il più possibile la navigazione, favorire l’interazione dell’utente con i media presenti e far sì che gli elementi utili a creare conversioni siano ben visibili. Vediamo perché il web designer è una figura fondamentale per attrarre i visitatori su un sito web e favorire la lead generation.

Web designer: chi è

Il web designer è un professionista che necessita di competenze molto ampie e diversificate, che spaziano dalla comunicazione, alla programmazione di siti web fino alle strategie di branding. Inoltre, deve possedere alcune skill tecniche – relativamente a codici e reti – nonostante siano poi di competenza diretta dei web developer. Un web designer, dunque, è un esperto che ha il compito di progettare interfacce web ossia di gestire testi, immagini, elementi interattivi e media per produrre una o più pagine web presenti sul browser. Concretamente significare curare la parte visiva e grafica di un sito e la sua usabilità sia dal punto di vista del suo funzionamento tecnico sia dal coinvolgimento degli utenti che navigano online: un sito web di alto livello, infatti, coniuga un design accattivante con una navigazione semplice e intuitiva.

Infatti, gli aspetti principali su cui si concentra il lavoro di un web designer sono:

  • Grafica: l’aspetto visuale ed estetico del sito web, fondamentale per catturare l’attenzione degli utenti e invogliare a continuare la navigazione. Comprende al suo interno la palette colori, il font del testo, le immagini e più in generale il layout web del sito;
  • Usabilità: se un sito web è molto curato dal punto di vista visivo, ma risulta poco funzionale nella navigazione, è come se mancasse il suo obiettivo ultimo. L’organizzazione e l’architettura informativa di un sito, infatti, devono garantire una navigazione intuitiva, semplice e chiara, possibile grazie ad un’attenta progettazione della user experience.

Sito che converte: che cosa significa

Con il termine “conversioni” si fa riferimento ad un’azione compiuta da un utente su un sito web, che può variare in base al business aziendale: può essere un acquisto, una registrazione, una visualizzazione di una specifica pagina e così via. Il Conversion Rate (tasso di conversione) è dato dal rapporto tra il numero di visitatori di un sito web e il numero di visitatori che hanno compiuto un’azione strategica ovvero una conversione.

Le conversioni possono essere suddivise in due categorie:

  • Macro conversioni: rappresentano l’obiettivo principale e primario per un determinato business. Ad esempio, la macro conversione di un eCommerce è il completamento di un acquisto, mentre nel caso di un sito di generazione di lead potrebbe essere la compilazione di un modulo di contatto;
  • Micro conversioni: si tratta di tutte le azioni di un utente che non generano business in maniera diretta, ma che fanno sì che l’utente si avvicini sempre più alla macro conversione. Tra le più diffuse, è possibile considerare l’aggiunta di un prodotto al carrello, il click su un link specifico (ad esempio la richiesta di un preventivo) oppure, nel caso di un blog, il commento ad un articolo.

La grafica di un sito web ha il fondamentale ruolo di focalizzare l’attenzione di un utente sugli elementi più rilevanti del sito ossia su tutto ciò che può spingere a compiere un’azione strategica per il business aziendale. Vediamo quali sono oggi le specifiche skill che un web designer deve avere per migliorare notevolmente la conversione di un sito e veicolare il traffico verso azioni chiave.

Immagine coordinata e comunicazione visiva

Come affermato in precedenza, il web designer ha il compito di curare l’aspetto grafico e visivo di un’azienda. Affinché un sito sia attrattivo e converta efficacemente, un elemento da non trascurare è la coordinazione dell’interfaccia grafica del sito con l’immagine aziendale.

L’aspetto visuale di un sito web allineato con l’identità di un brand rispecchia le aspettative degli utenti: ciò significa che un web designer deve sviluppare le pagine web sul browser in linea con l’immagine coordinata dell’azienda e con la sua comunicazione visiva (logo, font, palette colori, ecc..). Infatti, se ideata e realizzata strategicamente, un’immagine coordinata efficace trasmette agli utenti solidità e coerenza e, di conseguenza, ispira una maggiore fiducia nei confronti dell’azienda con positivi effetti in termini di conversione.

User experience

Oggi gli utenti ricevono costantemente informazioni e notizie: in un contesto sempre più competitivo, la prima impressione è quella che conta. Qui entra in gioco la user experience ovvero l’esperienza di navigazione che l’utente ha nei punti di contatto (touchpoint) con l’azienda presenti sul sito.

Un web designer, infatti, deve unire le proprie conoscenze di grafica alle nozioni UX così da allineare il più possibile il messaggio aziendale e l’identità di un brand all’esperienza che l’utente si aspetta di avere online. Progettare una user experience significa creare siti che offrano esperienze uniche, significative e coinvolgenti, senza dimenticare il design e la usability.

Architettura informativa

Strettamente legata alla user experience, la cosiddetta “architettura informativa” è un altro elemento fondamentale di cui un web designer deve essere a conoscenza. In informatica con questo termine si fa riferimento alla struttura e all’organizzazione delle informazioni e si tratta di un concetto chiave nella creazione di siti web: occorre sempre assicurarsi che le informazioni siano chiare, ben collocate e facilmente reperibili per gli utenti. Ad esempio, è possibile raggruppare pagine simili così che sia immediatamente comprensibile dove trovare determinate informazioni oppure creare categorie del blog intuitive per la ricerca di specifici articoli.

Sito mobile-friendly

A fronte della costante crescita dell’utilizzo di dispositivi mobili, è fondamentale che un web designer progetti efficacemente un sito web per un’interfaccia mobile. Ciò significa innanzitutto creare una grafica che si adatti automaticamente al dispositivo usato dall’utente così da essere ottimizzato per la navigazione da smartphone o tablet. Inoltre, oggi è fondamentale la velocità: si calcola che in media un utente aspetta fino a 3 secondi dall’apertura del link per poi abbandonarlo se non visualizza immediatamente la pagina cercata. Di conseguenza, occorre ottimizzare correttamente tutte le risorse presenti come le immagini – spesso fonte di rallentamenti – la scelta dei plugin e il codice CSS.

Cerchi un web agency con capacità di UX design

Se cerchi un web agency con capacità di UX design, che coinvolga il cliente e lo spinga alla conversione, Smart Web SEO crea siti web professionali a 360°: oltre allo sviluppo dell’interfaccia web, ci occupiamo anche del posizionamento organico (SEO), della sua promozione (SEM) e di tutte le attività sui social media per raggiungere un determinato target.