UI design VS UX design

UI design VS UX design

Cosa significa UX/UI design? Il primo termine, UX, si riferisce a user experience, ovvero l’esperienza utente nell’approccio con un determinato prodotto o servizio, in questo caso un sito web. Lo UI design, invece, è la user interface, ovvero l’interfaccia con cui l’utente si relaziona quando entra sul sito.

Il design e lo sviluppo della user experience e dell’interfaccia utente sono un passaggio fondamentale nella realizzazione di siti web professionali. Vediamo dunque le principali differenze tra UX/UI design e come questi vengono implementati dai designer.

UX-design UI-design

Le differenze tra UI design e UX design               

Il termine UX/UI design viene spesso interpretato erroneamente, poiché fa presumere che UX e UI siano la stessa cosa. In realtà, la user experience e l’interfaccia utente sono due concetti molto diversi che presentano caratteristiche differenti.

La UX riguarda l’insieme di elementi che descrivono l’esperienza di un utente con un particolare prodotto o servizio. In questo caso, parlando di siti web, ci riferiamo al modo con cui una persona interagisce con questo, o eventualmente con un’applicazione, e del riscontro che ha sulla qualità, facilità, comodità d’uso e così via.

Un esempio di domande che ci si potrebbe porre per valutare la user experience avrebbero a che vedere con la qualità dell’esperienza, dunque fluida o al contrario limitata, con l’intuitività o meno delle azioni da svolgere e con la facilità delle interazioni. Lo UX/UI designer, in questo caso, deve organizzare la struttura dell’interfaccia concentrandosi sulla funzionalità delle diverse parti che la compongono e renderla il più smart possibile.

La UI è l’interfaccia grafica del sito, dell’app o della piattaforma con cui l’utente entra in relazione. Si tratta del formato grafico, del layout, con cui il soggetto si rapporta, così come dei suoi elementi, quali pulsanti, cursori, immagini e così via. L’interfaccia utente include anche animazioni, transizioni, forme, colori e font.

In questo caso lo UX/UI designer si occuperà di tutte le scelte grafiche e visive; dovrà curare l’estetica dell’interfaccia per renderla attraente e stimolante nell’utilizzo, di modo tale da incoraggiare l’utente a rimanere all’interno del sito web. È importante ricordare che le scelte grafiche devono essere ricollegabili sia alla brand identity del marchio che il sito rappresenta, sia agli obiettivi che ci si è posti per il suo sviluppo.

In generale, la UX rappresenta una sfera un po’ più ampia, che per certi versi include anche aspetti della UI, dal momento che la costruzione dell’interfaccia grafica ha una rilevanza all’interno della user experience complessiva.

Lo UX/UI design oggi è un elemento di grande importanza per un business che comunica online. Quando un utente effettua una ricerca su Internet è perché vuole trovare un prodotto, un’informazione o un servizio che soddisfi un suo bisogno; davanti all’immensa offerta che il web oggi offre, è dunque importante sapersi distinguere utilizzando altri elementi, come appunto un’interfaccia utente smart e in generale una user experience positiva.

In particolare, lo UX/UI design consente agli utenti di individuare velocemente ciò che ricercano, rendendo comoda e facile l’interazione con il sito web. Questo può portare vantaggi a livello di conversioni ed entrate, in caso di e-commerce. Curare la UX/UI permette poi di migliorare il proprio posizionamento. Quando si tratta di ranking, infatti, Google presta attenzione a diversi fattori, tra cui il modo attraverso il quale un sito web performa.

UX-design UI-design

Cosa fa l'UX/UI designer

Lo UX/UI design è una disciplina che intreccia conoscenze creative a competenze tecniche di programmazione e progettazione di linguaggio in codice. Fa inoltre parte di un disegno più grande, in quanto è strettamente correlato alla brand identity e agli obiettivi di un marchio. Lo UX/UI designer è quindi innanzitutto un professionista in grado di muoversi all’interno di diversi ambiti cercando di coniugarli all’interno di un progetto.

In generale, il compito principale dello UX/UI designer è quello di progettare l’interfaccia utente di un’applicazione o un sito web e di gestire la user experience all’interno di esso, rendendolo user – friendly e il più intuitivo possibile.

In particolare, all’interno del settore dello UX/UI design rientrano:

Per migliorare la user experience e progettare l’interfaccia utente di un progetto web, lo UX/UI designer deve possedere una serie di hard skills e conoscenze, che può acquisire sia attraverso un percorso di studio, sia frequentando corsi appositi autonomamente. Strumenti di design e di progettazione wireframe sono fondamentali per la progettazione e lo sviluppo delle interfacce, mentre gli strumenti di usability testing sono utili per monitorare l’usabilità e la user experience.

Partendo da queste considerazioni, i percorsi di carriera di un UX/UI designer tendono a prendere due strade principali. Se si decide di focalizzarsi sulle competenze hard, ci si può specializzare in ambiti sempre più specifici, riguardanti sia la user experience che lo sviluppo dell’interfaccia grafica. In alternativa, se si possiedono abilità di leadership e soft skills relazionali, si può scegliere di intraprendere percorsi più manageriali e di gestione di team.

UX design Ui design

Sviluppa un progetto di UX/UI design per migliorare il tuo sito web

In futuro lo UX/UI design acquisirà sempre più importanza, parallelamente al numero sempre crescente di interazioni persone – device. Affidarsi a un UX/UI designer è dunque fondamentale se si vogliono rimuovere gli ostacoli nell’approccio alle tecnologie. Smart Web SEO è una agenzia SEO e di web design a Milano; che progetta siti web e si occupa dello sviluppo UX dei contenuti. Se stai pensando di creare un sito, o migliorare la user experience di quello già esistente, contattaci per parlarne insieme.

Quando il rebranding è la strategia migliore

Quando il rebranding è la strategia migliore

L’evoluzione e la capacità di rinnovarsi per un business sono fondamentali; in questo frangente il rebranding rappresenta un ottimo strumento per aggiornare la propria brand identity, in base alle esigenze del mercato e dei cambiamenti nel contesto circostante. Il panorama attuale, infatti, è in costante mutamento e la capacità di adattarsi, modificandosi senza snaturarsi, rappresenta un’importante leva competitiva.

 In questo articolo proveremo a dare una definizione completa di cosa è il rebranding e dei vantaggi che presenta. Step by step vedremo come il restyling di un sito web e l’utilizzo di corrette strategie di marketing possono portare ad una maggiore risonanza e successo ad un’attività.

Rebranding

Cos’è il rebranding di un sito web

Il rebranding è un processo di cambiamento strategico attraverso il quale un marchio, un negozio o un prodotto modificano gli elementi fondamentali della loro identità di marca. In particolare, ad essere rinnovati possono essere il nome, il logo, i colori, le strategie di marketing e comunicazione e tutto ciò che rientra nella brand identity.

Questa consiste nell’insieme di tutti gli elementi visivi, testuali e addirittura concettuali, che si legano a un particolare marchio o attività. Ha dunque a che vedere con gli aspetti grafici e visivi ma anche con quelli “invisibili”, quali i valori e i messaggi che trasmette. Se si decide di intervenire su ogni aspetto della brand identity, operando quindi un restyling completo, si parla di rebranding totale. Se invece si opera solo su determinati elementi, come ad esempio la palette di colori del marchio, si parla di rebranding parziale.

Lo scopo di fare rebranding è quello di rinfrescare e ridefinire l’immagine del brand, conferendo una nuova connotazione, solitamente legata a motivazioni di mercato o alla volontà di voler comunicare qualcosa di innovativo e diverso. Spesso si fa rebranding anche per intercettare un nuovo segmento di pubblico, attraverso strategie di marketing innovative, intervenendo sul concetto di valore percepito.

Come si è detto, quando si fa rebranding si può scegliere di intervenire su diversi elementi, tra cui il sito web, fondamentale ormai per chiunque abbia un business all’attivo o un’attività. Il sito web, infatti, consente di presentarsi online, farsi conoscere, attrarre nuovi contatti e, in caso di e-commerce, vendere i propri prodotti.

Proprio per questo, quando si attua un rebranding il restyling di un sito web è una tappa fondamentale tra le diverse strategie di marketing. È anche attraverso questo passaggio, infatti, che il marchio riflette i suoi cambiamenti e li mostra agli utenti. Fra le diverse azioni che si potrebbero intraprendere durante il restyling di un sito web alcune riguardano l’aspetto grafico e visivo, mentre altre si focalizzano maggiormente sull’esperienza utente.

Il restyling della brand identity dal punto di vista visivo può includere una nuova interfaccia utente, con nuovi colori, una diversa disposizione degli elementi e un cambio a livello tipografico. Dal punto di vista della UX, invece, si potrebbero ottimizzare in chiave SEO i contenuti del sito, migliorandone così anche il posizionamento, oppure lavorare sull’architettura delle informazioni, di modo da far risaltare gli aspetti più importanti e ricercati dagli utenti.

I vantaggi del rebranding

Fare rebranding presenta diversi vantaggi. Attraverso il restyling del sito e la modifica degli elementi visivi, come si è visto, è possibile rinfrescare l’immagine del marchio e migliorare la user experience. Una nuova brand identity, inoltre, può rivelarsi positiva anche per le vendite e rafforzare la fedeltà dei clienti.

 Attraverso un buon rebranding e lo sviluppo di strategie di marketing mirate si possono intercettare nuovi segmenti di pubblico. Per esempio, rinnovando il proprio tone of voice o modificando alcuni elementi della propria identità di marca ci si può avvicinare a target più giovani o più adulti.

Fare rebranding step - by - step

Il rebranding, in quanto processo, per essere messo in pratica in modo efficace richiede una solida programmazione, che si articola in diversi passaggi:

 In generale, quando si tratta di rebranding o di restyling di un sito web è sempre utile ricordare per quale obiettivo e target lo si sta facendo, così come è importante chiedersi quali elementi, sia grafici che di esperienza utente, sono davvero in linea con la nuova brand identity.

Per il rebranding o il restyling del sito web del tuo business affidati a un professionista

Il rebranding è un processo delicato e complesso, che va gestito nel migliore dei modi e con le giuste strategie di marketing. Smart Web SEO è un’agenzia SEO e web agency a Milano; grazie alle sue competenze SEO, di digital marketing e di web design potrà occuparsi di rinnovare la brand identity del tuo marchio con professionalità e qualità.

Strategie Drive to Store: cosa sono e come costruirle

Strategie Drive to Store: cosa sono e come costruirle

Il mondo del marketing oggi si è arricchito di nuove strategie, che sfruttano digitale e innovazione per attrarre i clienti. Il drive to store è un insieme di attività strategiche che hanno come obiettivo quello di portare gli utenti all’interno dei negozi fisici.

 Il boom degli e-commerce, dato anche dall’emergenza pandemica, ha sviluppato la forte tendenza dello shopping da casa, una pratica senza dubbio comoda, ma che presenta degli svantaggi per gli store fisici e per tutti i comparti lavorativi che vi ruotano attorno.

 Implementare una campagna drive to store, dunque, può essere un’ottima mossa per aumentare il traffico verso i negozi e rafforzare la presenza di un brand o un’attività sul territorio. 

Che cos’è il drive to store?

Il drive to store, letteralmente “guidare verso il negozio” è una strategia di marketing che ha l’obiettivo di aumentare il flusso di clienti verso i punti vendita fisici. Si basa sull’utilizzo di diverse strategie, come la geolocalizzazione, la promozione di offerte speciali e tante altre.

 Perché è così importante il drive to store? Con lo scoppio della pandemia da Covid 19 il commercio online ha visto, per motivi oggettivi, una rilevante impennata che non va calando. Fare acquisti su internet è senza dubbio una soluzione smart e comoda, che presenta innumerevoli vantaggi, ma il negozio fisico rimane comunque un’importante risorsa per un brand.

 Attraverso il rapporto diretto cliente – venditore, il design dei punti vendita e la possibilità di toccare con mano i prodotti, i brand lavorano sulla loro brand identity e trovano negli store fisici una risorsa per migliorarla. Ecco perché il drive to store oggi si rivela un elemento imprescindibile per rafforzare il proprio business e trarne benefici.

 La strategia di marketing drive to store si può sviluppare attraverso diverse modalità operative, che giocano su tre principali elementi:

 Una campagna drive to store può assumere forme diverse, a seconda delle esigenze e delle risorse dell'azienda. Si può trattare di offerte speciali o promozioni esclusive disponibili solo nei punti vendita, esperienze di shopping su misura, eventi in store e tanto altro. L’obiettivo resta sempre quello di sviluppare una strategia di marketing che coinvolga i clienti e li incoraggi a visitare i negozi.

 Il drive to store rappresenta dunque un potente strumento che consente alle aziende di sfruttare gli strumenti e il potere del digitale per incrementare il traffico verso i punti vendita fisici. Come vedremo successivamente, attraverso l’utilizzo di contenuti mirati, analisi dei dati e offerte personalizzate, si può sviluppare una strategia di marketing drive to store che trasformi il pubblico online in pubblico reale nei negozi. 

Suggerimenti per una buona strategia di drive to store

Se si vuole accrescere il traffico di clienti verso un punto vendita utilizzando una campagna drive to store, occorre sviluppare una corretta strategia di marketing. Bisogna dunque partire dall’analisi e definizione di una target audience, ovvero del pubblico a cui vogliamo fare riferimento, suddividendolo in base a età, genere, interessi e geolocalizzazione.

 Servirà poi definire una modalità operativa, utilizzando ad esempio i tre elementi visti in precedenza di proximity, competitor e retargeting. In questo modo si può stabilire come impostare la strategia di marketing migliore a seconda delle proprie esigenze e risorse. Si procederà poi con la creazione di contenuti coinvolgenti e con l’effettiva realizzazione della campagna drive to store, di modo da canalizzare il pubblico verso i punti vendita stabiliti.

 La fase finale è quella di monitoraggio e analisi dei risultati ottenuti, sia in termini di acquisti sia per quanto riguarda il numero dei clienti raggiunti e portati negli store. Questo passaggio è molto utile per poter capire se la strategia di marketing che si è scelta ha effettivamente avuto successo; analizzando i dati è infatti possibile cosa ha funzionato e cosa invece va migliorato in futuro.

 Una campagna drive to store, per essere più efficace, può avvalersi di soluzioni digital innovative come:

Questi sono alcuni suggerimenti per sviluppare una buona campagna drive to store; in generale è bene ricordare che per avere successo e riuscire ad attirare il pubblico all'interno del proprio punto vendita è fondamentale comprendere quale sia la strategia di marketing migliore a seconda dei diversi contesti, esigenze e risorse.

Vuoi sviluppare una campagna drive to store ma non sai da dove iniziare? Affidati a un professionista

Per sviluppare la giusta strategia di marketing drive to store è importante avere le giuste conoscenze e competenze, sia a livello analitico, sia a livello strategico - operativo. Smart Web SEO è una agenzia SEO e di web design a Milano che, attraverso un team di professionisti, potrà affiancarti nello sviluppo della tua campagna drive to store per elevare il tuo punto vendita e renderlo attraente.

Come la SEO può aiutare le PMI

Come la SEO può aiutare le PMI

All’interno di un panorama digitale in continua evoluzione, la SEO per le PMI si rivela uno strumento molto importante, soprattutto a fronte dell’ampia offerta che è presente sul mercato. Ottimizzare la propria visibilità online attraverso strategie mirate è essenziale per diverse ragioni, tra cui migliorare la propria brand reputation, awareness e accrescere il proprio fatturato.

 Per dare una definizione di piccola media impresa, indichiamo con il termine PMI le attività con meno di 250 dipendenti e un fatturato annuo non superiore ai 50 milioni di euro. In Italia ci sono circa 5,3 milioni di PMI, ovvero il 92% delle imprese del Paese.

 In questo articolo vediamo, quindi, quali sono i principali benefici di un corretto utilizzo delle tecniche SEO per le PMI e come possono contribuire al loro successo online.

I vantaggi della SEO per le PMI: l’importanza del posizionamento online

Il modo di ricercare informazioni è cambiato rispetto ad anni fa, dove si tendeva a fare più affidamento sui media tradizionali offline. Oggi per trovare ciò di cui si ha bisogno ci si collega attraverso il proprio smartphone e si fa una ricerca online su un motore di ricerca, come ad esempio Google.

 Avere, dunque, un buon posizionamento su internet può impattare in modo significativo sul proprio business e sulla propria impresa. La SEO per le PMI è quindi una leva competitiva necessaria da implementare.

In generale i vantaggi di un buon posizionamento sono:

 Sviluppare una buona strategia SEO per le PMI significa anche poter risparmiare, sul lungo periodo, sui costi di marketing. La SEO, infatti, rientra tra le attività di posizionamento online organico, l’opposto delle campagne a pagamento come Google Ads.

 Attraverso un investimento iniziale per definire gli obiettivi, individuare le keywords adatte al proprio business e redigere un piano editoriale SEO, si può ottenere un buon posizionamento, che si rivela poi più economico sul lungo termine, rispetto alla pubblicità a pagamento.   

Suggerimenti per migliorare la SEO per le PMI

Una volta che se ne sono compresi i benefici, è utile cercare di capire come poter migliorare la SEO per guadagnare una posizione rilevante all’interno della SERP di Google, specie a fronte dell’elevata competitività del mercato di oggi. Esistono, infatti, alcune strategie chiave da tenere in considerazione se si vuole lavorare correttamente sull’ottimizzazione SEO per le PMI.

Si parte innanzitutto configurando gli strumenti di analytics. Questi sono indispensabili per monitorare l’andamento di un sito web, analizzare traffico, conversioni e controllarne le performance. Si prosegue, poi, con un’approfondita ricerca delle parole chiave, le keywords, pertinenti al settore in cui l’impresa opera.

È importante, infatti, conoscere quali termini utilizzano gli utenti per trovare una determinata attività, di modo tale da poterli poi utilizzare per migliorare la SEO e il proprio posizionamento. Per fare ciò si può inizialmente redigere una lista, cercando di includere tutto ciò che si pensa le persone possano cercare in relazione al proprio settore. In seguito si passa ad appositi strumenti di individuazione delle keywords, di modo tale da integrare anche i suggerimenti dei motori di ricerca.

Un altro fattore importante da tenere a mente quando si vuole migliorare la SEO è conoscere la propria concorrenza. Sapere chi sono i propri competitor offline, infatti, è molto diverso dall’individuare quelli online. È quindi consigliato, in fase di analisi, cercare i siti web contro i quali ci si posiziona nella SERP, e attraverso quali parole di ricerca. In questo modo è possibile capire in che modo impiegare le proprie risorse e come strutturare il sito e i contenuti al suo interno.

Creare contenuti SEO - friendly per le PMI

Saper investire nella creazione di efficaci contenuti SEO per le PMI, capaci di rispondere e soddisfare le domande degli utenti, può rivelarsi un elemento di grande vantaggio sui propri competitor. I motori di ricerca, infatti, valorizzano i siti web che offrono contenuti utili e originali; essere in grado di crearli bene e valorizzarli agli occhi del pubblico è dunque essenziale per migliorare la SEO e attrarre traffico qualificato.  

La SEO per le PMI è importante non solo a livello contenutistico, ma include anche le modalità con cui il sito viene realizzato. Per contribuire ad un buon posizionamento occorre lavorare sulla SEO on-page, ottimizzando anche titoli, meta tag e descrizioni, così come gli elementi inseriti, per esempio i link interni. Google tiene molto in considerazione la presenza di link in entrata verso un sito web, poiché essi costituiscono, oltre che un fattore di ranking, un elemento di autorevolezza e credibilità.

tono.

Migliorare il posizionamento e la SEO per le PMI: affidati a un professionista

I suggerimenti per sviluppare delle efficaci strategie SEO per le PMI e il loro business sono diversi e non è facile, se non si hanno adeguate competenze, metterli in pratica correttamente. Spesso, infatti, se ne sottovaluta l’importanza con un conseguente spreco di risorse, tempo e nessun risultato sul posizionamento. Smart Web SEO è una agenzia SEO e di web design di Milano, formata da un team di professionisti. Attraverso i suoi servizi può migliorare la SEO del tuo sito web e la visibilità online.