Vuoi più visitatori sul tuo sito? Riparti dalle basi
21 Luglio 2020
Il ruolo della Digital PR nell’era post Covid
5 Agosto 2020

3 curiosità sul funnel marketing che non ti aspetteresti

Cos’è il funnel marketing?

Hai sentito parlare di funnel marketing ma sei ancora confuso su cosa sia e soprattutto quali siano gli attori fondamentali di questo processo? Sebbene siano stati scritti fiumi di inchiostro su questo argomento, l’applicabilità concreta al settore digitale continua a suscitare molti dubbi. Per comprendere a fondo le potenzialità di una buona strategia di funnel marketing bisogna ripartire dalla sua definizione e mettere a fuoco tre tips che ti permetteranno di capire quale strumento straordinario sia.

funnel marketing

Il Funnel Marketing come lo spiegherei a mio figlio

Il funnel marketing viene spesso ridotto alla pura traduzione di funnel in imbuto, creando l’errata convinzione che questo concetto possa essere ridotto ad una schematizzazione grafica. Al contrario si tratta di un processo dinamico che ha lo scopo di accompagnare il pubblico attraverso un percorso che lo trasforma da semplice utente incuriosito ad un prodotto ad ambassador del brand. È chiaro quindi che il funnel marketing si incrocia in maniera molto stretta con quello di inbound marketing – inteso come l’insieme delle strategie che hanno lo scopo di attrarre clienti sul proprio sito internet. Una volta chiarito l’aspetto dinamico del funnel marketing, ecco 3 curiosità che non ti aspetteresti su questo argomento

Non solo per ecommerce

Un mito da sfatare quando si parla di funnel marketing è che questo complesso insieme di tecniche non serve solamente agli e commerce, ma anche a tutte le aziende che desiderano ottenere un qualsiasi risultato attraverso il proprio sito internet.

Richieste di contatto, lasciare la propria e-mail o inviare informazioni sono solo alcuni degli obiettivi che possono essere raggiunti grazie ad un’accurata strategia di funnel marketing. Infatti, in base al tipo di risultato che si vuole ottenere, è necessario che il SEO Specialist che si occupa di costruire il funnel di vendita scelga canali e strumenti differenti.

Tante sigle, un solo concetto di fondo

Il funnel marketing è una disciplina nota anche per le numerose sigle e acronimi, le più famose delle quali sono quelle che identificano le tre macro-aree del funnel: TOFU, MOFU e BOFU indicano rispettivamente la parte iniziale, mediana e finale dell’imbuto di vendita. Accanto a questa prima sequenza se ne affianca una seconda: AIDA.

Le lettere di questa parola – che nulla a che vedere con la nota opera di Giuseppe Verdi – rimandano ad un modello teorico della pubblicità che indentifica i quattro elementi fondamentali ai quali un elemento promozionale deve fare fronte.

  • Attenzione: una buona pubblicità deve catturare l’attenzione del consumatore, emergendo tra i milioni di sollecitazioni alle quali gli utenti sono sottoposti ogni minuto.
  • Interesse: oltre a carpire l’attenzione degli utenti, una buona pubblicità – soprattutto quando digitale – deve essere coerente con gli interessi del pubblico che si vuole intercettare. Per questo è fondamentale targettizzare adeguatamente le proprie campagne pubblicitarie, in modo da poter ottimizzare costi e risultati.
  • Desiderio: qualsiasi progetto promozionale che si rispetti deve avere come obiettivo – tra l’altro – quello di creare un desiderio nella mente del consumatore. Immagina di leggere un articolo su una nuova automobile e, subito dopo, di pensare “Quanto vorrei quella macchina”.: in questo caso la pubblicità ha avuto l’effetto sortito.
  • Azione: proseguendo nella metafora di cui sopra, se riesci anche ad acquistare l’automobile significa che il brand in questione ha fatto un buon investimento nella promozione del prodotto.

Nel funnel c’è anche l’advertising

È fondamentale sfatare un falso mito su questo argomento: il funnel marketing non prevede solo tecniche di posizionamento organico (non a pagamento), ma anche quelle paid. L’advertising e le campagne Google Ads si dimostrano dei preziosi alleato in numerose circostanze, soprattutto quando il brand gode di una scarsa notorietà o è nato da poco. A questo proposito è opportuno ricordare come Google Ads (ex Google Adwords) costituisca uno strumento molto utile purché utilizzato in maniera consapevole da parte di professionisti del settore. In caso contrario è probabile che il budget investito venga mal gestito o, ancora peggio, sia nullo a causa di scelte poco pianificate.

Cerchi un esperto di funnel marketing? Contattaci

Desideri sostenere la crescita della tua azienda con il funnel marketing? Smart Web SEO è un’agenzia SEO a Milano che, grazie all’esperienza dei suoi consulenti SEO, accompagna i propri clienti verso il successo online.